News

Industria Vicentina: nel terzo trimestre è boom

Nel terzo trimestre 2017 si è registrata la maggior crescita nella produzione industriale delle aziende vicentine. A decretarlo è l’indagine congiunturale n.137 condotta da Confindustria Vicenza, che noi di Conceria Tris desideriamo riassumere in questo articolo. Rispetto allo stesso trimestre del 2016, infatti, si è registrato un +3,91% (contro un +1,58% del secondo trimestre 2017).

 

Export e Import

Questi numeri sono trainati dalle vendite sui mercati esteri (si pensi che Vicenza è prima provincia per Export pro capite e terza per valore assoluto d’Italia). Nei Paesi esteri dell’Unione Europea la crescita, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, è del 4,99%, mentre quella verso i mercati extra UE aumenta del 6,47%.

Sul fronte interno, si segnala un +3,52% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, proseguendo un percorso positivo delle vendite interne iniziato nel quarto trimestre del 2014 (+1,7%) e continuato senza sosta fino ad oggi, rispettivamente: +3,67%, +4,48%, +4,80%, +2,95% e, appunto, +3,52% (luglio-settembre 2017).

 

Le aziende

Le aziende fino a 100 dipendenti registrano un aumento del 3,72%, con buone vendite nel mercato italiano (+3,54%), europeo (+1,17%) ed extra-europeo (+5,33%). Il 49% delle imprese vicentine dichiara un aumento della produzione, il 18% evidenzia dei cali di produzione, causando un saldo di opinione positivo pari al +31%. Allo stesso tempo, aumenta leggermente il numero di aziende che denuncia un livello di produzione insoddisfacente (31% del totale).

Aumenta anche l’occupazione del +1,13%. Il 60% delle aziende dichiara di voler mantenere inalterato il proprio livello occupazionale, il 29% desidera aumentarlo, mentre ill 12% intende ridurre la propria forza lavoro.

 

I settori

Export e Import sono positivi per i settori: alimentare, chimico, meccanico, orafo e delle materie plastiche. Positivi sul fronte Export risultano i settori della carta, grafica e legno-mobile. Positivi sul fronte occupazionale e produttivo gli operatori della filiera della Moda. Continuativo incremento dell’occupazione per il settore conciario. I settori con segni negativi su entrambi i fronti sono, invece: cemento, calce, vetro e marmo.

 

Previsioni future

Da un’analisi del sentiment delle imprese vicentine, emerge una forte accelerazione verso il miglioramento. La valutazione sullo stato attuale dell’economia cresce rispetto all’anno precedente: da 47,3 di luglio a 53,8 di ottobre. Il prof. Andrea Beretta Zanoni commenta così questi dati: “l’ultima rilevazione del sentiment degli associati di Confindustria Vicenza rileva un quadro previsionale in forte crescita. Le attese nei prossimi sei mesi sono particolarmente postive. Le previsioni delle imprese su portafoglio ordini, occupazione e investimenti sono anch’esse positive e quelle relative all’occupazione sono le migliori degli ultimi anni. Così come sono rosee le previsioni relative ad investimenti ed ordinativi”.

 

Fonte: industriavicentina.it

<<